04 giugno 2012

Expat per scelta o per voglia?

Tempo fa chiacchieravo con una amica che, dopo anni all'estero, aveva la possibilita` di rientrare in Italia ed era combattuta. Mi aveva fatto riflettere molto.
Tanti di noi expats vorrebbero tornare in Italia  (almeno in Europa, diciamo spesso noi che siamo in America), ma per vari motivi di lavoro o famigliari, questo spesso rimane un sogno. E cosi` vivi all'estero, anno dopo anno, e gli anni diventano tantini e questo vivere lontano comincia anche a definirti come persona. Cominci ad abituarti a certe cose, a dimenticarne altre, a sopportare la lontananza, a sentirti a casa da piu` parti. Lo stile di vita a cui all'inizio hai fatto fatica ad abituarti, diventa poi la tua vita, l'unica che hai e l'unica che al momento conosci e in cui sai destreggiarti. E allora vivere in Italia cosa sarebbe? Doversi reinventare di nuovo o un vero "tornare a casa".
Mi domandavo, voi, potendo tornereste?
Io, tutto sommato, credo di si

16 commenti:

  1. Io, potendo, tornerei anche domani.

    RispondiElimina
  2. @b&a: ovunque o solo nella citta` da dove vieni?

    RispondiElimina
  3. Guarda, io sono rientrata e come ho spesso detto in altri blog, in questo momento siamo felici perchè abbiamo raggiunto un certo equilibrio...però non passa un giorno senza che io non pensi alla mia amata Boston, molte cose mi mancano, come molte me ne mancavano dell'Italia quando ero lì. Forse sono un po' pessimista su questo argomento, ma dopo che hai vissuto in un altro paese penso che sia comunque difficile essere totalmente soddisfatto in un'altro, ci sarà sempre qualcosa che ti mancherà, del resto "l'erba del vicino è sempre più verde".
    inoltre se la coppia è mista, come nel mio caso, uno dei due non sarà mai a casa ...
    Spesso mi chiedo se abbiamo fatto al scelta giusta, per ora sì, ma mi preoccupa il futuro dei miei figli. poi però penso che almeno loro hanno la grande possibilità di scegliere se restare o ripartire...e allora mi tranquillizzo.

    RispondiElimina
  4. Anonimo19:10

    dipende dall'offerta.
    Se lo STIPENDIO fosse buono e la citta' in cui lavorare fosse Roma, io andrei. Andrei anche a Milano e in tante altre citta' in Italia, Torino, Bologna, l'Emilia Romagna. Potrei fare anche un pensierino su Napoli. Forse andrei ovunque in Italia ;) a patto che la citta' non fosse troppo provinciale o troppo piccola.

    Dipende anche dall'alternativa, ma se l'offerta fosse quella che ho appena scritto, io partirei all'istante.

    Per rispondere alla domanda che hai fatto a b&a: nella mia citta' non mi interessa tornare. In Italia si', con le condizioni che ho detto sopra (stipendio e tipo di citta').
    valescrive

    RispondiElimina
  5. @ Silvia: grazie per il tuo commento. Anch'io a volte ho paura che non ci sentiremo piu` completamente a casa da nessuna parte...ma preferisco pensare che invece sono a casa da piu` parti. E hai ragione, si puo` sempre scegliere di ripartire, I guess.

    RispondiElimina
  6. @vale: io a Trento tornerei, forse perche` in questo momento piu` che mai mi manca la famiglia...pero` hai ragione che le condizioni economiche e non sono quelle che fanno la differenza.

    RispondiElimina
  7. No. Non ci tornerei permanentemente. Mi piacerebbe poter tornare per qualche mese, 2 o 3. Ma alla vita in Italia non riuscirei più ad abituarmi. La maggior parte della mia vita da adulta l'ho trascorsa qui comunque... forse e' per questo...

    RispondiElimina
  8. Paolopost00:49

    Considera per ora ancora questa una scelta aperta. Fra un po' di anni dovrai invece decidere dove Camilla costruirà il suo senso di "casa". Per poi ripartire alla sua conquista del mondo.

    RispondiElimina
  9. io durante il nostro anno all'estero, quando si parlava di poterla far diventare una scelta di vita per più anni, ero combattuta... e sentivo la voglia di tornare. Poi la scelta l'ha fatta qualcun altro per noi e siamo tornati, e mentre stavo andando via, ci soffrivo da matti come non avrei creduto. Pur riconoscendo che è stata una fortuna far nascere qui Riccardo per mille motivi, confesso che spesso sì, mi manca tanto quella vita...

    RispondiElimina
  10. Davvero a volte pensi che preferiresti l'europa: Birmingham?

    Non tornerei permanentemente se non forse quando sarò in pensione... ma sono convinto che non esistono decisioni permanenti, compreso questa :)

    Sì, mi mancano la famiglia e gli amici, ma per ora mi accontento di permettermi vacanze un po' più lunghe dalle parti di casa.
    La lontananza a volte mi aiuta ad apprezzare meglio sia le cose che mi mancano che quelle di cui posso godere dove mi trovo.

    RispondiElimina
  11. Ciao, io ho vissuto a Londra per quasi un decennio e poi mi e' venuta la brillante idea di tornare in Italia. La seclta e' stata motivata dalla mancanza della famiglia, degli amici etc. Beh, se io potessi tornare indietro resterei in inghilterra e ti spiego perche':
    - il lavoro manca e non ci sono possibilita' di carriera.
    - per muoversi si ha bisogno di un auto a testa: totale 2 auto con bollo ed assicurazione,
    - l'affitto e' alto e le case costano tantissimo.

    e poi ne avrei ancora di punti ma mi fermo. Io amo l'Italia, credimi, e' l'Italia che non mi apprezza :-)

    RispondiElimina
  12. Ciao, e' un po' che ti leggo, e in occasione della fatidica domanda dico anche io la mia per la prima volta.
    Io non tornerei per ora, non stabilmente, per lo meno. Mi pesa un po' la lontananza dalla famiglia, ma anche in Italia abitavo a quasi 1000 Km per cui non stavo messa benissimo. Io sono originaria di un paesino del sud, e li' non credo riuscirei a sopravvivere. Non c'e' speranza.
    Forse in altre citta' si potrebbe fare, ma e' un'opzione che per ora non mi sogno neanche di contemplare.

    RispondiElimina
  13. @all: wow, grazie dei vostri commenti tutti interessanti.
    E `anche difficile parlarne cosi` in astratto perche` tanto dipende da dove si viene in Italia, dove si andrebbe e a che condizioni. Pero` e` interessante vedere che molti, nonostante tutto, non tornerebbero.

    RispondiElimina
  14. io sinceramente non tornerei, non mi manca praticamente niente dell'Italia e i miei figli qui crescono bene e sono felici. Forse questo è dovuto al fatto che sono sempre stato abituato a viaggiare e quindi forse non vedo molto l'italia come "la mia casa".

    (ps: ho scoperto che sei di Trento come mia moglie :-) )

    RispondiElimina
  15. Io se potessi tornerei a prendervi!! :-)

    RispondiElimina
  16. Anonimo06:26

    Ciao fra! :)
    vorrei tanto saper rispondere a questa domanda, ma non essendo mai partita non oso neanche farlo, non conoscendo quante variabili emozionali e non tenga in conto questa domanda.
    Ma appena ho letto il post mi è venuto in mente questo video che ho visto da poco. E' un altro punto di vista, partire o restare..ma dà comunque molti suggerimenti (un po' di parte). E' carico e divertente, e descrive la nostra, bella e brutta italia..
    vi mando un abbraccio a tutti e tre! :)

    http://tv.wired.it/entertainment/2012/05/09/emigrare-o-resistere-scoprilo-nel-documentario-italy-love-it-or-leave-it.html

    Flaminia

    RispondiElimina