27 febbraio 2008

zio Oscar

Anche quest'anno ci sono stati gli Oscar e, questa volta, ci siamo sorb*ehm*visti l'intera cerimonia. Checché ne dicano i critici, a noi non è poi dispiaciuta troppo.

Anche perché, dove avremmo potuto ammirare quella personcina della Diablo Cody, fine esaminatrice della sociologia umana nella sua precedente fatica sul circuito degli strip club e peep show di Minneapolis, e ora—come dire— estroversa e raffinata indossatrice?



L'immagine, per onor di cronaca, non rende omaggio al generoso spacco centrale che obbligava la pudica Cody a freneticamente coprirsi durante la salita sul palco. Ma, al contrario, evidenzia il simpatico e giovanilistico tattoo che le punteggia la spalla destra.

Come avrebbe detto quel satanasso di Mick Jagger, "Pleased to meet you, Hope you guessed my name"...

2 commenti:

  1. Sara09:34

    da brava academy awards 'junkie' l'ho guardato (ovviamente registrato, dato il fuso) come di consueto, la mattina appena sveglia.
    Ho azzeccato i pronostici di tutti e 4 gli attori - Marion Cotillard compresa - e la Diablo Cody mi è sembrata una fichissima e inconsueta nota di trasgressione in mezzo a tanti tuxedo e similari.
    qualcosa sul premio a Daniel Day-Lewis: bravissimo come di consueto in There will be blood (che tra l'altro non mi è piaciuto), ma resta memorabile la sua interpretazione di Bill the Butcher in Gangs of NY. Mi sarebbe piaciuto un outsider tipo Viggo Mortensen. Comunque, gli oscar sono sempre gli oscar, criticati, sorbiti, denigrati, ma....sempre guardati!!

    RispondiElimina
  2. ahah il povero george clooney non lo vincera` mai piu` un oscar...neppure la grande performance in michael clayton gli e` bastata contro DD-L (che mica scemo facendo un film ogni 5 anni ci scommetto riesce a diventare tutt`uno con il suo personaggio e continuare a portarsi a casa statuette...)

    RispondiElimina