11 agosto 2008

Vegas

...che dire...
Las Vegas è un delirio, di caldo, di luci, di gente, di musica.
Un'isola del divertimento in mezzo al deserto. Arrivarci di notte in aereo è spettacolare.
Venerdì ho passato la giornata da sola, ho affrontato i 40 gradi e il vento caldo armata di bottiglietta d'acqua e cappellino e sono andata a vedermi il Bellagio, e la sua Gallery of Modern Art.


Il museo più piccolo del mondo, 16 opere, ma in fondo Las Vegas non è esattamente il luogo della cultura.

Un simpatico turista mi ha fatto questa bella foto.



Sabato è arrivata Jenny e con lei abbiamo esplorato quasi tutti gli hotel: l'MGM con i leoni nella lobby, il Paris con i suoi bistrò, il Venetian, con le guardie vestite da poliziotti e i gondolieri che cantano in napoletano.



La sera abbiamo visto Mystere del Cirque du Soleil al Treasure Island. Gli interpreti sono bravissimi, acrobati, ballerini, ginnasti per un'ora e mezza di magia, evoluzioni, coerografie. Dopo lo spettacolo a cena al Ceasar Palace e un drink al Bellagio.

La domenica, dopo il pranzo al New York New York, via sul van con i ragazzi del lab per sei lunghe ore di viaggio fino a casa.
Ho perso $20 alla rulette (ero sopra di $25...maledetta greed) e qualche dollaro ai videogiochi.

Per non più di due giorni alla volta, Las Vegas è veramente divertente....ma non credo che riuscirei a sopportare il caldo per più a lungo.

(Mentre io me la spassavo, Marco e gli altri del lab partecipavano alla gara di hacker organizzata durante Defcon)

9 commenti:

  1. Anonimo04:37

    Che dire...quello che ti ha fatto la foto con sfondo parigi, e' proprio un fotografo nato!
    Incredibile invece come sia nella vera Venezia che nella Venezia di Las Vegas, i "passeggeri" delle gondole siano sempre cinesi!
    Bea

    RispondiElimina
  2. Bellissimo reportage, in particolare la foto-testimonianza della tua presenza a Las Vegas!

    RispondiElimina
  3. Concordo: bella la foto! Io avevo inizato con le quarter slots, e poi sono finita , pateticamente, con quelle da nickels.... davvero una citta' incredibile... Vi siete fatti qualche bufffet/abbuffata??

    RispondiElimina
  4. @moky: niente buffet questa volta...sara` per la prossima volta!

    RispondiElimina
  5. Anonimo09:11

    E' bello girare l'America leggendo il vostro blog...Un bacione Nat!

    RispondiElimina
  6. Anonimo09:11

    E' bello girare l'America leggendo il vostro blog...Un bacione Nat!

    RispondiElimina
  7. Un mio collega è appena tornato da lì... e mi ha detto le stesse identiche cose!Allora è proprio così... :-)

    Bel blog, complimenti!

    RispondiElimina
  8. Cosi per chiedere, in che consisteva la gara di hacker? Con quel lamer di Marco poi... :-p

    RispondiElimina
  9. E` una gara di capture the flag (CTF).
    Ci sono 8 team. A ciascuno viene dato un computer identico. Il computer contiene un certo numero di programmi (~20) sviluppati apposta per la competizione.
    Ciascun programma contiene una o piu` vulnerabilita`. Il compito della squadra e` analizzare i programmi, identificare i bug, correggerli sul proprio computer, e usarli per attaccare i computer delle altre squadre.
    Chi lo fa meglio (combinando la parte di attacco e difesa), vince.

    Il tutto dura 3 giorni, si dorme poco, si gioca in un'enorme stanzone in cui proiettano video presi da youtube e musica.
    Insomma, geekamente divertente :-)

    RispondiElimina