24 gennaio 2007

Se habla espanol (parte seconda)...

La settimana scorsa è ricominciato il glorioso corso di spagnolo. Ora siamo in "Spagnolo II". Sfortunatamente le feste non hanno fatto bene ai miei "companeros de la clase", anzi, l'eccesso di cibo e la poca pratica hanno del tutto offuscato le già non eccellenti capacità di apprendimento.
Ma partiamo dall'inizio. La mia compagna di banco (la signora super ricca e ingioiellata che voleva imparare lo spagnolo per poter dare gli ordini ai giardinieri e alla donna delle pulizie) non si è ripresentata. Al suo posto si è seduta una gigantessa di 120 kg (non oso trasformarli in Pounds) dall'aspetto sinistramente simile alla pazza del film "Misery non deve morire".

Non un buon presagio.

Comunque come tutti ( e intendo proprio tutti) i santi mercoledì la profesora è entrata e dopo averci salutato ha detto, ripeto, come fa dalla prima lezione: "Comparen la tarea con un companero" (controllate i compiti con un compagno)...e mentre io mi giravo verso la gigantessa per mettere in comune il nostro sapere, in giro per la classe si sono dipinte facce di sgomento e sorpresa...ve la faccio breve, ha dovuto ripetere le istruzioni in inglese e calmare gli animi.

Oggi comunque siamo arrivati a parlare di coniugazione verbale. La profesora ci voleva far memorizzare la coniugazione al presente del verbo COMER (mangiare) perchè poi potessimo usarlo come esempio per gli altri verbi che finiscono in ER. Dunque togli l'ER dell'infinito e metti le giuste desinenze.
I miei companeros yankee però presi da un morbo collettivo hanno cominciato a voler pronunciare le forme verbali con l'accento sull'ultima. Ne usciva yo comò, tu comès, el comè e così via. Per evitare questa deriva la prof. ha scritto alla lavagna tutta la coniugazione con gli accenti: yo còmo, tu còmes ecc... Dopo circa dieci letture collettive, una buona maggioranza ancora si sbagliava. Ho pensato, a quel punto, che la prof rinunciasse e invece stoicamente ha preso nuovamente in mano il gesso e ha cominciato a scrivere: coomo, coomes, coome ecc... così essendo contretti a tenere le oo lunghe non riuscivano a mettere l'accento sull'ultima.

A questo punto volevo abbandonare l'aula, ma era già trascorsa un'ora e mezzo su due e ho deciso di restare lì. Mal me ne colse perchè non appena archiviata la pratica "pronunciaciòn del verbo" ( tra l'altro che in inglese nemmeno esistono parole con l'accento sull'ultima), qualcuno, non ho visto chi, la voce veniva da dietro, ha avuto l'ardore di chiedere se il COMO (io mangio) era la stessa parola di COMO TE LLAMA (come ti chiami)...e alla ovvia riposta negativa ha avuto un moto di stizza della serie: chi si credono di essere questi spagnoli per permettersi di aver una lingua così complicata e con tutte queste regole...

...come mi ha sussurato uscendo (con un misto di pena e disgusto) l'unica altra europea del corso, una signora di mezza età super-british di Londra "E` che non studiano nessuna lingua straniera a scuola e poi non sono molto flessibili!"

7 commenti:

  1. anche io sto facendo un corso base di spagnolo, non e' difficile ma imparare l inglese e' stato piu facile (specialmente sui verbi)

    RispondiElimina
  2. sara00:43

    Io adoro lo spagnolo e ho avuto una grossa sorpresa quando l'ho studiato perché l'ho trovato grammaticalmente più difficile del francese (che pure ha la sua ortografia...). sarà perché è molto simile all'italiano e questo ci frega, ovviamente. Esilarante la faccenda della coniugazione di comer....voglio ridere quando arriverà il passato remoto di estar.....(Yo estuve, tù estuviste, èl estuvo ecc. ecc.). Attendo notizie in merito!!!!

    RispondiElimina
  3. Anonimo00:48

    suggerisci ai tuoi compagnetti di banco di tradurre questo tipico scioglilingua ispanico :-)

    ¿Cómo en Como come Usted?,
    ¿Cómo, que cómo como en Como,
    como en Como como en Como como,
    como en Como como en Como come Ud.


    Besos!
    B.

    RispondiElimina
  4. Lo spagnolo è abbastanza intuitivo per noi, o mi sbaglio?
    Sarà che sono innamorata della Spagna e con la lingua non ho mai avuto problemi, mentre con l'inglese, anche se l'ho studiato a scuola, è sempre stato un disastro : )

    RispondiElimina
  5. Anonimo14:12

    io 27. il resto chiacchiere!

    RispondiElimina
  6. Anonimo02:39

    podè dirghe all'anonimo chi de sora che'l compra 'na boza!

    B.

    RispondiElimina
  7. hola companera! ;-)
    es que no sonos mucho flesibiles ;-)

    pero no es mejor si tu abla con algunos ispano-americanos en la calle? o en un tandem-learning (ah, anglais! ;)

    paolo

    RispondiElimina